Un’altra vita

Ripensavo alla canzone di Battiato, prima di entrare in biblioteca, quella che dice che non servono tranquillanti o terapie, che non servono più eccitanti o ideologie e che ci vuole un’altra vita, un’altra in un senso rivoluzionario, un altro mondo possibile, o soltanto geografico, un altro posto nel mondo.

Non pensavo a un altro momento del Tempo, considerando che il tempo – come mi spiegava il professore di fisica al liceo, banalizzando – va in una direzione sola e non esiste un tempo negativo. E invece sì, perché  – visto che il wifi non funziona – ho dovuto cercare i libri sul computer dei domenicani e beh era il computer di quando non esisteva internet, il computer di quando c’era ancora lo spazio per mettere il dischetto e non c’era lo sportelletto per il CDROM, che nel frattempo è scomparso perché ci stanno più cose nella tua penna USB o nel tuo cellulare, Orazio!, di quanto ne contenessero i tuoi CD-ROM. Il computer quello orizzontale, prima che li facessero verticali, a torre. Il computer con le icone ancora un po’ stilizzate, un po’ computerizzate, quando c’erano ancora pochi colori o forse c’erano tutti ma sembravano meno, che ne so a causa dei pixel.

Con il freddo nelle ossa, che i domenicani non accendono il riscaldamento anche perché è giugno cazzo giugno!, lo scoramento delle code, delle burocrazie, dei curriculum insomma: con lo scoramento del Futuro mi sono trovato nel 1993, quando ho installato il mio primo 386 nel tavolo della cameretta.

Erano già scoppiate delle bombe, c’era un governo tecnico, c’era MS-Dos, c’era C://win.exe e c’era pure A://load quando mettevi il floppy disk.

C’erano anche i floppy disk.

Advertisements

14 pensieri su “Un’altra vita

  1. A casa di mammà c’è il mio vecchio computer più o meno dello stesso stile fa parte dell’arredamenti e di una vita fa, se mia madre decidesse di buttarlo un pò mi dispiacerà . Ps
    Di ritorno da Genova , l’adoro

  2. Eh, beati voi che siete così giovani… Pensa che quando io ho iniziato l’Università, andavamo al centro di calcolo, e con il nostro bell’account sviluppavamo sul VAX…. preistoria!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...