Il periodo dei sogni bislacchi e inquietanti

Niente, è un periodo di sogni inquietanti. Dopo quello dell’altra notte, in cui cercavano di farmi iscrivere a FLI regalandomi un paio di boxer, l’altra notte ho sognato che stavano iniziando la deportazione di tutti gli arbëreshë d’Italia. Ero molto inquieto, non sapevo cosa fare e il sogno era in bianco e nero. Come mai ho sognato le deportazioni (e come mai l’ho fatto in bianco e nero) lo immagino: la sera prima avevo visto un documentario agghiacciante su Pétain e sulla Francia che collaborava e che acclamava il maresciallo sulla place de l’Hôtel de Ville ancora pochi giorni prima della liberazione di Parigi. Come mai gli arbëreshë, però, lo ignoro.

Certo che un tempo facevo sogni diversi… ad ogni modo, sto andando dalla mistress dentista per farmi fare un bite (che qui si chiama gouttière, che sarebbe come a dire grondaia, bah…) perché almeno eviti di bruxare troppo, quando sogno ‘ste brutte cose.

Annunci

10 pensieri su “Il periodo dei sogni bislacchi e inquietanti

  1. Avevo letto “per farmi fare una bite”
    Vabbé…

    « Non fui io a portarvi la libertà, ma la trovai qui, in mezzo a voi! »
    (Giorgio Castriota Scanderbeg)

    1. sai perché l’avevi letto? perché sei una persona inconsciamente perversa, ecco perché!

      o forse perché hai pensato alla dentista mistress, il che non ti rende meno perverso ma quand même

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...