Il più fastidioso dei rumori dell’universo, ovvero: Proteggere un computer, proteggere la prole

L’altro giorno sentivo per radio che il più fastidioso dei rumori dell’universo, quello che più di tutti riesce a distrarre le persone, che impedisce di concentrarsi e di fare altro, è il pianto dei bambini. Chiunque ha preso un aereo con degli infanti sa che è vero: se piangono non si riesce a leggere, a dormire a fare niente ed è per questo che siamo molto contenti che la cabina del pilota sia isolata acusticamente. Il motivo sarebbe banalmente evolutivo: nelle scorse decine di millenni, i cuccioli umani avrebbero individuato la frequenza acustica più fastidiosa per attirare l’attenzione degli adulti, di modo che potessero trarli in salvo dalle tigri dai denti a sciabola, dai lupi mannari e dai parroci molesti.

Bene Ora ricordate il mio schermo impazzito? quello che tenevo insieme con le mollette? Ecco, io non vi racconterò che ora va meglio perché non vorrei spararmi sui piedi. Vi dico solo che non sono solo: qui vicino a me – sono sempre in Ste Genéviève, continua a trovarmici abbastanza a mio agio, anche se bisogna consegnare i libri ai bibliotecari ogni volta che si va in bagno, o si esce a prendere un caffè o soltanto a fare due passi – c’è una giovane ispanofona con un grosso computer non-Apple aperto su una pagina di dizionario castigliano francese (ci ho buttato un occhio perché sono curioso e perché sono solidale, anche il mio computer è aperto su una pagina di dizionario italiano francese!). Bene, ogni tanto il suo schermo inizia a impazzire, sfarfalla e mi distrae. E’ proprio una cosa fastidiosa, ho la testa china a leggere delle differenze tra Omero e Mosé (che sono meno di quante immaginiate) e niente, quando sfarfalla la coda dell’occhio se ne accorge e perdo la concentrazione, altroche ADD!

Bene, la conclusione è che il mio occhio capta gli sfarfallii e mi distrae per lo stesso motivo: perdere un computer è come perdere la prole.

Annunci

5 pensieri su “Il più fastidioso dei rumori dell’universo, ovvero: Proteggere un computer, proteggere la prole

  1. serve organizzare un aperitivo, per renderti partecipe del frutto dell’evoluzione in prima persona. Aperitivo all’aperto, prima che si rompano vetri 😀
    (il primo paragrafo di questo post ce lo stampiamo e appendiamo sul frigo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...