Cartolina #5: U Babbo di a patria (Place Paoli, Corte)

20110808-110128.jpg

A Corte è tutto il salita. Dopo un’ora e cinquanta di treno (del treno di ieri) per fare più o meno 60 km (ma era il treno di ieri, appunto!), si attraversa un campus deserto (ma è estate!), si supera una passerella ondeggiante su un fiume, si fanno scale, salite, si suda e si maledice il caldo superando murales indipendentisti e graffiti volgari (si dice cazzu, nel caso ve lo stiate chiedendo) e si arriva in Place Paoli, che è una specie di piazza principale. Tutto profuma di Corsica profonda, di indipendentismo e ho mangiato benissimo, vi segnalo delle frittelle di porri e menta in pastella da replicare al più presto. La gente è assai più gentile che giù, al mare. Tutto si svolge sotto lo sguardo serio, illuminista e buono di Pasquale Paoli, cioè del Babbu di a patria.

Saluti e baci

Suibhne

Annunci

2 pensieri su “Cartolina #5: U Babbo di a patria (Place Paoli, Corte)

  1. senti, se giri l’angolo a destra alla fine della scalinata che arriva in Piazza Paoli, c’è un bar di biscazzieri che serve ottimo pastis.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...