Dei miei sforzi per parlar corsu

Come sapete, tra dieci giorni parto per la Corsica e sto studiando. Ho preso molti libri in biblioteca, ne ho comprato uno su amazon e una guida anche da Gibert Joseph. Ho cercato di sentire un po’ di musica tradizionale, ho cercato (e non trovato) il brocciu, ho cercato (e non trovato, anche se lei mi ha segnalato dove trovarla) la Pietra e ogni tanto guardo il canale 309 della freebox, vale a dire la versione corsa di France 3.

Ho anche cercato di imparare un po’ di corso, guardando i siti online, tipo A piazzetta, che è un blog scherzosu puliticamente scurrettu è certe volte appena gattivu, in cui si scoprono, per esempio, i dieci motivi per cui non si vuole che il Tour de France passi in Corsica (particolarmente significativa la numero due: Nentr’à “tour de France”, ci hè “de France”). Devo dire che il fatto che si capisca tutto senza aver bisogno di studiarlo, rende il corso un po’ meno entusiasmante, putacaso, dell’ungherese ma rende anche più facile e divertente l’apprendimento di parole nuove. Ho scoperto, ad esempio, che c’è la doppia negazione, solo che invece di usare il pas come in francese si usa il micca, che poi sarebbe l’italiano mica. Oppure ho scoperto che ragazzo si dice zitello mente il bac è u baccu, che a Genova sarebbe un bastone ma a Bastia evidentemente no.

Ho scaricato anche l’app per iPhone Parlu Corsu e qui se mi dite che sto esagerando vi capisco. Ad ogni modo, ho già fatto la prima lezione in cui ho imparato a dire Buon ghjornu e anche la seconda in cui ho imparato a dire che mi piace il vino ma è la terza che mi ha posto qualche problema. Ma è mai possibile che per insegnarmi i numeri mi portino Al Casinò? Di solito si contano matite, frutti o oggetti qualsiasi, micca carte da blackjack!

Annunci

17 pensieri su “Dei miei sforzi per parlar corsu

    1. Sognu, quanto odio Sognu… cioè, non so se odio di più Sognu o Amaury Vassili (o Vassili Amauri, insomma quello leonino e odioso). Però anche nell’unica altra competizione dell’Eurofestival che mi ricordo, quella che hanno fatto in Italia l’anno dopo la vittoria di Toto Cutugno, la Francia cantava in corso… una roba sulla Mamma Corsica, ma non so se è un ricordo vero o ricostruito o inventato…

        1. meravigliosa, se non fosse che è davvero un plagio imbarazzante… sarà che gli stereotipi dei francesi sui corsi sono plagiati dagli stereotipi sugli italiani…

  1. Dipende anche da dove vai, se vai nella parte meridionale quel che ti puo’ aiutare è solo ed unicamente il Gallurese; Il fatto di essere zeneize poi puo’ solo perfezionare le cose, ma il gallurese è essenziale per capirsi e farsi capire. Tenuto conto poi che detestano i francesi con tutte le loro forze, dovrai davvero iniziare a parlare con più “u” possibili 😀
    Non hai trovato il brocciu? Lo avevano finito?

    1. no no, vado a Nord, nella parte toscanizzata 🙂
      no, ma il brocciu qui a Parigi non l’ho trovato da nessuna parte… intendo, nei posti che hanno cibo di posti varî, ma non son stato a vedere nelle épiceries corse…

  2. Mi pare di capire che basta aggiungere la vocale “u” alla fine delle parole e si ha il “corso”.
    Zitello e`ragazzo nel senso di giovane o di fidanzato?
    Strana parola che trasmigra nel siciliano “Zito” (fidanzato) e nel romano” Zito” ( posto….riferito al pisello).

    1. beh no, dai… non banalizziamo, non è che basta una -u!! è come dire che basta aggiungere una -s per fare lo spagnolo e un -en per fare il tedesco! 🙂

      a quanto ho capito zitellu significa giovane, ragazzo. In realtà tutte ‘ste parole derivano dal medio alto tedesco zitze che vuol dire beh… tette, da cui passa a indicare ragazza, giovane (zita) e dunque viene trasportata anche al maschile zito e al diminutivo zitella.

      Almeno, questo è quel che dice il dizionario etimologico che ho appena consultato per fare finta di sapere le cose 😉

  3. Da “U spuntinu” io l’ho trovato, spesso lo hanno addirittura in vetrina 🙂
    Quando ti capita di essere in zona Madeleine, Opéra, bla bla bla facci un salto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...