L’elenco telefonico di un tempo che più non c’è

La virtù che sottende alla sala X è il Silenzio. C’è poca gente e, di solito, tace. Questa virtù è così rilevante, per quanto mi riguarda, da annullare anche il suo più grande peccato: l’Oscurità. E’ buia, buia ad ogni ora, buia che non si può neanche immaginare, buia! anche in questi giorni di quasi estate che stanno per tornar ahimé preprimaverili. Ma è sileziosa ed è per questo che anche oggi, benché sia svogliato, assonnato e sballottato dai cambi di appuntamento con le mie donne in affari che provano ad apprender l’italiano,  sono in sala X, a leggere Origene.

Poco fa, irritualmente, un vecchio ha iniziato a parlare a voce altissima, proprio in quel modo per cui ti viene da chiederti, più che da esclamare “Un po’ di silenzio, perdincibacco!“, “Ma non se ne rende conto? non si accorge che siamo tutti zitti silenziosi taciturnissimi e si sente solo lui, berciare sbraitando? non percepisce che usa un tono troppo alto?“.
Non lo percepisce, evidentemente, e chiede insistente, a un biblioecario basito quanto me, “L’elenco del telefono del 1940, mi hanno detto che in questa sala ce l’avete”.

Che se ne farà, questo anziano signore, dell’elenco del telefono del ’40, il primo dell’Occupazione nazista della città? Chi vorrà rintracciare, quale nome ricostruire? E – incidentalmente – chi gli avrà mai concesso una tessera della Bibliothèque nationale de France, sezione ricerca? Però mi pare una storia molto romantica, non credete anche voi?

Annunci

7 pensieri su “L’elenco telefonico di un tempo che più non c’è

  1. No. Io solidarizzo col bibliotecario.

    E mi vien da chiedere: ma alla BnF tengono tutti gli elenchi telefonici di tutti gli anni di tutte le città francesi, da quando è stato inventato il telefono fino ai giorni nostri? Glom O_o

    1. tu solidarizzi col bibliotecario perché sei bibliotecaria! Ad ogni modo, anche se è una cosa molto da BnF quella di tenere tutti gli elenchi telefonici di tutti gli anni di tutte le città francesi da quando è stato inventato il telefono fino ai giorni nostri, credo che in realtà l’elenco non ci fosse e il vecchio sia tornato a casa senza numero dell’amata…

  2. Ma state scherzando? Certo che in BnF c’è ogni elenco telefonico mai stampato in Francia metropolitana e oltremare! E stanno proprio tutti in sala X. Microfilmati, divisi per département, dal 1893 al 1989. Ci sono anche gli elenchi telefonici di ex-colonie come Laos, Vietnam del Nord, Vietnam del Sud, di settori delle (ex-) imprese di stato come gli aeroporti di Parigi, dei ministeri, del Tribunale di Grande Istanza, delle forze armate del Camerun, ecc.

    Comunque la storia del vecchietto mi riempie di curiosità. Bisognerà spiarlo.

    1. davvero? e nessuno ha mai provato a far saltare in aria l’elenco dell’Algérie française? ad ogni modo, concordo nella necessità di spiare il Veglio: basta seguire quelli che parlano a voce troppo alta!

      Ma, ad ogni modo, che fine avrà fatto il vecchio con gli occhiali arancioni? non sarà mica dipartito?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...