Caciare, ovvero: La famiglia di Supertelegattone

Vi pongo una domanda, italiani del Nord e del Sud, di campagna e di città, di pianura e di montagna, di isole o terraferma, di Nord-Ovest o di Sud-Est, insomma: italiani tutti interi. Sto correggendo il compito di un fanciullo che va in una scuola cattolica (guarda un po’!), quella di cui già parlammo perché ha un nome che in italiano parrebbe una bestemmia. Il fanciullo, che si chiama come il Supertelegattone e che ha per cognome un comune del Giura [lo scrivo in italiano perché ho un dubbio: direste un comune del Jura o dello Jura?], cosa che mi fa presupporre sia ricco e nobile, è molto bravo: non ho praticamente niente da correggere.

Se non fosse che usa più volte un verbo passepartout: caciare, con una c. Lo usa come verbo, non come plurale di caciara: sia nel senso di prendere, arrestare (“per evitare che si faccia caciare“), sia in quello di provocare, causare (cioè stare nella neve senza essere adeguatamente vestiti “può caciare malattie o febbre”).

Ecco, che “cacciare” significhi cose diverse a seconda dell’origine geografica di chi parla mi è noto: “Caccia il pane”, da me vuol dire “Butta via il pane” mentre a Sud, se ho ben capito, significa “Tira fuori il pane”, per esempio dal sacchetto o dall’armadio. A Genova, inoltre, “cacciare” significa “rimettere, vomitare” in frasi del tipo: “Supertelegattone ha bevuto troppo e ha passato la notte a cacciare”. Vabbè.

Bene, mi pare evidente che Supertelegattone è molto bravo perché di famiglia italiana e perché a casa sua si parla bene, visto che sa usare i congiuntivi. Ciononostante, usa termini regionali come facciamo tutti noi madrelingua ma, a differenza di noi madrelingua, non li avverte come tali perché non ha significativi rapporti con un italiano standard.

Ad ogni modo, il gioco che vi propongo, italiani di tutt’Italia, è di aiutarmi a capire: di dove sarà la famiglia di Supertelegattone? Dove si può usare cacciare in questo modo?

Annunci

18 pensieri su “Caciare, ovvero: La famiglia di Supertelegattone

  1. mah, mostrero’ la mia infinita erudizione anni 80 dicendo che il tizio si dovrebbe chiamare Oscar, no?
    e poi, boh, l’uso nel secondo senso, come causare potrebbe essere veneto ma sul primo non ci giurerei..

  2. io dico “dello jura”, e in quanto al cacciare penso che abbia il solo significato di “prendere”, per lui: prendere una malattia, farsi prendere dalla polizia. quindi dico che è un “procacciare”, più che altro.
    siccome si ostina scriverlo con una C, dico che è del nord est. tu hai già detto veneto, quindi io punto sul friuli per allargare un po’ la scelta.

  3. 1. (Se vi piace, chiamatemi) Oscar
    2. Il (dipartimento dello) Jura
    3. Non è romagnolo (da noi cacciare è sinonimo di tirare fuori. “Caccia la grana, pataca!”

    Cosa ho vinto?

  4. Anche in sardo campidanese il verbo “cacciai” (=cacciare) ha lo stesso significato di vomitare. Si dice per es. “Gana e’ cacciai” dopo libagioni da naufragio… Ma ora non mi dilungo: vado a mangiare!
    Saluti. Pif

  5. Hmm, è vero che sbagliare le doppie è un errore tipicamente veneto, ma mi sto arrovellando e mi sembra proprio che in dialetto (almeno qui nel padovano) “cacciare” si usi *esclusivamente* nel senso di “andare a caccia”: né per “mandar via”, né tantomeno per “buttare” o “tirare fuori” . Il mistero si infittisce!

    1. eh, ma la questione delle doppie non vuol dire… può essere genericamente del Nord Italia oppure di madrelingua straniera, cosa che tra l’altro sappiamo essere… quindi né veneto né romagnolo né ligure né sardo…

  6. Infatti, come hai già detto tu, a Genova lo usiamo per dire: “buttare via”, “vomitare” , “espellere”, ed ero convinta che fosse così da tutte le parti, finché un giorno non ho messo piede a Pescara!

    Eccoti il dialogo fra me ed un mio amico pescarese:

    Amico: “Ora vado, che devo cacciare la carne dal frigo”

    Io: “Aaaah… non è più buona? Forse l’hai tenuta troppi giorni in frigo?”

    Amico (mi guarda come se fossi scema): “Sì che è buona, l’ho comprata oggi!”

    Io: “Allora perché vuoi buttarla???”

    Amico: “Buttarla? Non voglio buttarla!”

    Il resto del dialogo ve lo lascio immaginare….

    Detto questo, il toto-supertelegattone mi incuriosisce parecchio!
    Non vorrei dire una scemata, ma in abruzzo mi è capitato di sentire (in forma dialettale) parole che normalmente in italiano hanno una doppia, pronunciate come se invece non l’avessero.
    Il problema è che “cacciare” lo pronunciano con due “c”…

    @ Auramaga: leggendo il tuo commento mi è venuto in mente che l’unica volta in cui a Genova non vuol dire “buttare via”, è quando diciamo “Caccia il grano!” (ovvero, tira fuori i soldi)

    1. ma lasciate perdere la questione delle doppie! lui di madrelingua è francese, figuriamoci se ha la percezione delle doppie! detto questo: in effetti anche a Zena diciamo “Caccia il grano” ma mi pare evidente che lo diciamo per influenza di qualcosa di televisivo, mæ madonnâ non l’avrebbe certo detto 😉

  7. Non saprei individuare l’origine, ma cacciare nel senso di “tirar fuori” lo si usa nella lingua parlata anche dalle mie parti, solo che usiamo una “z” al posto della “c”. Fatto sta che è un’influenza dialettale, quindi se il pupo usa ‘sto verbo un po’ ovunque a lezione, io direi che qualcosa da correggere ce l’ha… Sono troppo pignola? 😉

  8. Le mie peregrinazioni cibernetiche notturne mi hanno portata fin qui. Per risalire all’origine del pupillo mi focalizzerei sul secondo uso che fa del verbo, perché il primo mi sembra diffuso su tutto il territorio nazionale. L’uso di “cacciare” come sinonimo di “provocare” mi sembra molto vicino a quello che facciamo noi in Brianza: “non starmi così appiccicato, mi cacci caldo”, “il prosciutto crudo caccia sete”.
    Ora però sono curiosa di sapere.

    Complimenti da un’italiana all’estero

    1. Brianza? Davvero? Non l’avrei mai detto… “il crudo caccia sete” mi avrebbe richiamato alla mente mezza Italia ma non certo a Nord della La Spezia – Rimini! Ad ogni modo, grazie per la consulenza. Peccato che non potremo mai sapere la verità!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...