L’avversione degli dèi e due diciannovenni

Una delle molteplici manifestazioni dell’avversione degli dèi a Ryanair è il fatto che, se da una parte hostess crudeli cercano di vietare con sovrapprezzi incredibili l’accesso dei bagagli a mano sugli aerei, dall’altra non c’è mai spazio nelle cappelliere, e non soltanto perché le vecchie ci mettono anche le giacche, incuranti degli annunci della cabin crew.
Questo comporta un viavai di gente nei corridoi, alla ricerca di un anfratto in cui impertugiare il proprio sacco, e incentiva le persone assennate a piazzarsi davvero nel primo posto libero, senza sincerarmi di non essere vicino a due diciannovenni pescaresi un po’ brufolose e molto impazienti di arrivare a Parigi dove c’è – a detta loro – un fantastico negozio di Lego.

A, che farà architettura dal mese prossimo: ma a Parigi c’è il fuso orario?
B, che farà geologia, invece, dal mese prossimo: non so, credo di no ma forse sì…
A: perché lo speaker ha detto che ci mettiamo cinquanta [in realtà dicevano ginguanda mentre il capitano aveva detto one hour and fifty minutes] minuti ma allora come è possibile che arriviamo alle nove?
B: Non so, ma quando sono andata a Lourdes mi pare che il fuso orario non c’era…
A: No?
B: No… però Lourdes è più in là di Parigi… Parigi è sotto l’Inghilterra e a Londra c’è il fuso orario…
A: Già…
B: Cioè, so che in Spagna il fuso orario non c’è… però non vuol dire perché loro convenzionalmente non ce l’hanno [ecco, davvero non riesco a capire cosa intendesse con questa frase…]
A: Ma Lourdes è in Francia?
B: Sai che non lo so? non sono mica sicura… quando ci sono andata non ci ho fatto caso…

E mentre mi si riempivano gli occhi di pianto e la gola mi si stringeva in un magone esistenziale, e mentre una hostess cattiva obbligava un ragazzo a cancellare le fotografie fatte sull’aereo “Per ragioni di privacy“, mentre tutto ‘sto dramma universale accadeva su una pista di Ciampino, io ho poggiato la testa al sedile, ho messo le cuffie dell’iPod e l’ho acceso.

Ma poi ho dovuto spegnerlo, che non si possono tenere accesi dispositivi elettronici in fase di decollo…

Annunci

14 pensieri su “L’avversione degli dèi e due diciannovenni

  1. Ma giusto per curiosità (non ho mai preso l’areo, quindi sono inesperta totale): perché in fase di decollo no, e per il resto del volo sì (presumo)? Cioè, se interferiscono con gli aggeggi dei piloti, immagino che possano interferirci anche quando stai sorvolando l’Oceano, a rigor di logica…
    O forse ci sono aggeggi appositi che vengono attivati solo per decollo ed atterraggio? 🙂

    1. cioè: hai visto Lost doppiato e su Rai Due e non hai mai preso l’aereo!? son sempre più basito… 😉

      comunque credo sia un problema di torri di controllo più che aggeggi di piloti…

      1. Aaaahhn!
        In effetti, così ha una logica.

        Sì, non ho mai preso l’aereo e ho viaggiato pochissimissimo in generale (soffro il mal d’auto; abbiamo una casina in Liguria; non ce ne importa niente di girare il mondo… tutte le vacanze della mia vita le ho passate vicino a Imperia). Sono stata all’estero una sola volta in vita mia, quando avevo diciannove anni…
        … per visitare la Basilica di San Pietro 😀

        >_>
        Beh, tecnicamente è all’estero! 😀

    1. tra l’altro si chiedeva se avesse dovuto imparare inglese, io credo che avrà molti altri problemi…

      a proposito, ti dovrei fare una domanda geologica sulle isole, ma non mi pare il luogo e quindi te la farò via mail…

  2. Quando hai bisogno di aneddoti sui viaggiatori Italiani e il dramma del bagaglio a mano, chiamami!
    Quando vuoi sentire aneddoti sugli Italiani e la loro ignoranza geografica, chiamami ancora!

    Mi permetto, però, di spezzare una lancia a favore della futura geologa che ha fatto quella considerazione sulla posizione di Parigi rispetto all’Inghilterra, anche io non sono d’accordo che Francia e Spagna non usino l’ora di Londra.

  3. ma tu ce la fai a stare zitto? No perchè io sto evolvendo verso il modello vecchia zia che quando sente questa castronerie interviene se non altro per zittire la comuniczione. E’ la vecchiaia, lo so.

  4. hai colto la vera essenza della pescaresità con quel “ginguanda”, ti ringrazio per avermi ricordato le ragioni che cinque anni orsono mi spinsero a lasciare il natio borgo selvaggio.

  5. Si, quel “convenzionalmente” è interessante. Ed in effetti ha ragione, almeno su questo: la Spagna per molto più di metà è ad ovest del meridiano di Greenwich, quindi hanno scelto per convenzione di adottare il fuso orario continentale, diversamente dai francesi (in effetti un tantinello più ad est ) che, soliti stundai, fino al 1911 non l’han proprio voluto, il fuso.

    Ma tu lo sapevi che in molti paesi islamici invece hanno sospeso l’ora legale per facilitare il Ramadan? Ma lo fanno sempre o è una novita del nuovo secolo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...