Il signor Parco Nazionale

Che le grandi città, alla fine son piccole. La prima volta, tre anni fa, avevo incontrato un mio compagno d’asilo su un quai della linea 11 del métro. La seconda, un anno fa, avevo di nuovo incontrato l’iraniana.

Oggi son stato in piedi venti minuti prima di ottenere un po’ di attenzione dal copistiere dell’Epée de Bois (anche se lui si definirebbe di Monge). Prima di me c’era un signore settantenne con una cartellina grossa e rossa, piena di 291 fotocopie noir et blanc di una rivista di motociclismo che voleva far ri-fotocopiare e rilegare, visto che lui non era in grado. L’anziano signore con una barba cavourriana, un giacchetto sportivo verde – che qui non fa mica tutto ‘sto caldo e i giacchetti si portano ancora! – e una lentezza di modi e movimenti che mi indispettiva assai. Il signore, che aveva nome francese ma cognome italiano, uguale a quello di un parco nazionale, ha pagato i suoi millanta euro e se n’è andato, lasciandomi a fotocopiare il passaporto, la tessera sanitaria, a stampare un curriculum e un certificato di diploma dottorale.

Ho messo tutto nelle apposite buste, pinzando le pagine che andavano pinzate. Sono passato alla posta, ho comprato un euro e quaranta di francobollo, ho spedito una busta e ho messo l’altra nella borsa. Sono andato a Censier, ho preso la 7 fino a Place d’Italie, poi ho perso un po’ di tempo perché volevo comprare Pariscope ma non trovavo gli spiccioli. Ho preso la 6 fino a Quai de la Gare, ho sceso le scale, sono uscito dalla stazione e là, davanti alla porta, c’era ad aspettarmi il signor Parco Nazionale.

E mi guardava.

Advertisements

5 pensieri su “Il signor Parco Nazionale

  1. Sono tornato oggi e mi sto leggendo le ultime due settimane. Questo per giustificare il commento a una cosa così vecchia. Della quale vorrei dire solo: pare la trama di “Esercizi di stile”

  2. Ma sai che mi è successa una cosa simile in Portogallo? Abbiamo incontrato in giro per Lisbona le stesse madre&figlia che c’erano sul nostro aereo. E anche altri turisti visti di qua e di là.
    Son proprio strane, queste cose.

    1. Secondo me per i turisti è più probabile, alla fine quando si turisteggia si frequentano gli stessi posti… Ma in città…

      e siccome è facile incontrarsi,
      anche in una grande città…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...