Il grande faro della libertà

« Faccia conoscere il Governo ai giovani in che cosa consistevano le spedizioni fasciste; la loro barbara opera di distruzione, i loro crimini.

Sappiamo come fu ucciso Ferrero: pugnalato, legato ad un autocarro e trascinato per le vie di Torino, mentre le camicie nere sghignazzavano di fronte a questo giovane corpo straziato e la camera del lavoro di Torino era tutto un rogo. Bisogna far conoscere come sono stati assassinati Piccinini, Di Vagno, MatteottiConsolo e Pilati, assassinato dinanzi alla moglie e ai figli che in ginocchio imploravano pietà dagli sgherri fascisti; come sono stati colpiti a morte Giovanni Amendola e Piero Gobetti; come fu ucciso un mite e puro sacerdote di Cristo: Don Minzoni; la morte straziante di Gastone Sozzi ucciso lentamente con clisteri di tintura di iodio, la fine di Maurizio Giglio, cui furono strappate ad una ad una le unghie dei piedi con il vano proposito che denunciasse i suoi compagni.

Fate sapere come nell’aprile del 1945 lanciando appelli alla radio di Milano abbiano scagliato contro di noi i giovani, mentre essi, gettate via le fastose divise in orbace, il volto più feroce, ma livido di paura con il testa il loro “duce” travestitosi da soldato nazista, pensavano solo a fuggire…

Fate conoscere ai giovani che il fascismo era l’antidemocrazia; che ha portato alla rovina la Patria.

Fate conoscere la lotta sostenuta con tanta fermezza dall’antifascismo e l’eroismo della Resistenza. Si facciano conoscere nelle scuole le Lettere dei condannati a morte della Resistenza, libro oggi proibito dai provveditori agli studi. Onorevoli colleghi, permettete che ve ne legga alcuni brani. Dopo ci sentiremo tutti migliori, e poi credo che questa breve lettura si addica alla presente vigilia del decennale della Resistenza. Scriveva don Aldo Mei: “Muoio vittima dell’odio che tiranneggia nel mondo. Muoio perché trionfi la carità cristiana”. Scriveva ciò alcune ore prima di essere fucilato, il 14 agosto 1944. Scriveva l’operaio Giambone: “Tra poche ore non sarò più, ma sta pur certa che sarò calmo e tranquillo di fronte al plotone di esecuzione, come lo sono attualmente”. Trancredi Galimberti (medaglia d’oro della Resistenza): “Ho agito a fin di bene e per un’idea. Per questo sono sereno e dovete esserlo anche voi.”

E questa lettera brevissima di una medaglia d’oro alla Resistenza, di una donna, di una popolana, Irma Marchiani di 30 anni, che scriveva alla sorella: “Mia adorata Pally, sono gli ultimi istanti della mia vita. Dico a te: saluta e bacia tutti quelli che mi ricordano. Credimi: non ho mai fatto nessuna cosa che potesse offendere il nostro nome. Ho sentito il richiamo della patria per la quale ho combattuto. Ora sono qui: tra poche ore non sarò più, ma sono sicura di aver fatto quanto mi era possibile affinché la libertà trionfasse”.

E un’ultima lettera voglio leggere: quella di un giovane di 18 anni, medaglia d’oro della Resistenza, Giordano Cavestro: “Cari compagni, ora tocca a noi andare a ragiungere gli altri gloriosi compagni caduti per la salvezza e la gloria d’Italia. Voi sapete il compito che vi tocca. Io muoio, ma l’idea vivrà nel futuro, luminosa, grande e bella. Siamo alla fine di tutti i mali. Questi giorni sono come gli ultimi giorni di vita di un grosso mostro che vuol fare due vittime possibili. Se vivrete, tocca a voi rifare questa povera Italia che è così bella, che ha un sole così caldo, le mamme così buone e le ragazze così care. La mia giovinezza è spezzata ma sono sicuro che servirà da esempio. Sui nostri corpi si farà il grande faro della libertà.”

Questa, signori, è la Resistenza, che sta di sopra delle denigrazioni di un branco di miserabili, di cui ogni italiano degno di questo nome si sente orgoglioso.

Ecco perché noi anziani guardiamo fiduciosi ai giovani e quindi al domani del popolo italiano. Ad essi vogliamo consegnare intatto il patrimonio politico e morale della Resistenza, perché lo custodiscano e non vada disperso, alle loro valide mani affidiamo la bandiera della libertà e della giustizia, perché la portino sempre più avanti e sempre più in alto.

Viva la Resistenza!»

Sandro Pertini, Camera dei Deputati, aprile 1955

Sandro Pertini, comizio dopo la Liberazione, piazza del Duomo, Milano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...