Precauzioni, ovvero: La spiaggia in biblioteca

Il primo olio solare del 2010, oggi. Contro la mia volontà, ovviamente.

Capita che quando ci sono più di due raggi di sole, le Genti del Nord che calano in Gallia per studiare in biblioteca inizino a portare pantaloni corti, magliette medio proporzionali tra una canottiera padana e una t-shirt cinese e si cospargano di olio solare, protezione duemiliardi. Oggi di raggi di sole ce ne sono forse tre ed è per questo che la signora trecciuta che ha usato il computer prima di me aveva una maglietta blue navy con alamari dorati in rilievo,  pantaloni bianchi alla zuava (quelli che sceglierei io se dovessi invadere il Congo, tanto per capirci) e si era cosparsa a tal punto di crema protettiva anti-solicello-pallido da aver intriso, trasudando, il mouse che ho or ora utilizzato.

Mi sento nel posto sbagliato con l’odore sbagliato, adesso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...