Vicini di casa (morti)

Passeggiando per la Buffon alla ricerca di un libro, ho scoperto uno scaffale che raccoglie tutto il materiale immaginabile su tutte le vie del quartiere. Ho preso il raccoglitore rosso, per scoprire che la mia via risale al 1540, che si chiamava rue saint-René, un tempo, ma soprattutto che qualche decennio fa sarei stato vicino di casa di Georges Perec.

Chissà se lui avrebbe fatto meno rumore

Annunci

5 pensieri su “Vicini di casa (morti)

  1. in realtà c’era anche questa, che è ripugnante, questa, che non mi piace neppure, e questa, che mi piace ma è un po’ troppo chiara…

    ad ogni modo, anche io avrei pagato per avere Perec vicino di casa, anche se avrei temuto che la furia anti-e si abbattesse anche sulle cassette della posta o che tentasse di épuiser anche casa mia e me stesso…

  2. hahahahahaha non so se è perché ho proprio quell’edizione ma mi piace molto la seconda copertina: rispecchia così tanto il contenuto!
    per le -e… beh come noti sono mie amiche e non dovrei correr rischi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...