Geografia perforativa della gioventù italiana attraverso due decenni (1990 – 2010)

Cercavo di finire il libro che stavo leggendo, poco fa sul 67, ma un vociar di gioventù mi ha distratto e mi son fermato a guardarli un po’. Avevano tutti un piercing sotto il labbro inferiore, a sinistra. Allora mi è venuto in mente che forse si possono schedare gli ultimi vent’anni di storia italiana attraverso la geografia dei piercing che gli adolescenti si facevano.

In principio, a inizio anni Novanta, fu la proliferazione dei buchi alle orecchie: prima due per parte, poi tantissimi lungo il padiglione auricoalare, poi uno solo, ad anellino, in alto sull’orecchio (principalmente apprezzato dai ragazzi) e quello alla cartilagine che avrà un nome che ignoro, di cui si diceva “fa malissimo!”. E’ questo fenomeno che apre la strada ai primi, veri piercing, quelli sul naso (1): prima il brillantino, poi un anellino alla narice. Sarà stato il ’94 – ’95 e parallelamente si diffondeva la moda del pizzetto, la mia prof di inglese diceva: “Non capisco chi vogliate imitare, conciati così!”. E’ da localizzare in questo periodo (coincidente più o meno con la XIII legislatura repubblicana) il boom perforativo della gioventù d’Italia: i buchi si moltiplicano ma restano ancora appannaggio di un certo tipo di gioventù che negli anni sarebbe stata definita prima “alternativa” e poi “no global”. In quegli stessi anni il piercing, però, emerge, si sdogana ed emigra in tutte le classi di giovani: prima sull’ombelico delle ragazze (2) (una mia compagna in seconda liceo ce lo mostrò, maliziosa e moderna, in una ricreazione “Non sapete quanto brucia quando faccio il bagno in mare!”) quindi sul sopracciglio di ragazze e ragazzi, in versione anellino e poi barretta (3).
All’inizio del decennio che finirà a dicembre (così vi pacificate, commentatori pedanti!) il piercing emigra sulla bocca (4) e peregrina: prima un anellino al centro del labbro inferiore, ma durerà poco, per poi diventare microborchia (o spunzoncino) (5). Quindi – ed è il passaggio che rende il piercing un accessorio truzzo – in alto, sparigliando la simmetria, eludendo le labbra a imitare – mi è sempre parso – un neo (6). Ora, ed è l’ultima tappa per il momento (7), in basso, a destra o a sinistra basta che non sia al centro. Poi vabbè, negli ultimi anni c’è stato pure il cripto-fenomeno del piercing sulla lingua (8), ma quello è – appunto – un fenomeno carsico di cui la gente non parla mai per tutte le implicazioni orogenitali che comporta.

Ci sarà qualcuno che è passato per tutti questi stadi, che si è bucato orecchie, naso, sopracciglia e poi le labbra, seguendo la moda, oppure a ogni emigrazione di piercing corrisponde un cambiamento di generazione dei perforati? Chi lo sa, io so solo che non mi son mai bucato niente e che mai mi bucherò.

Ma solo perché non sopporto il dolore fisico, mica per altro…

Annunci

6 pensieri su “Geografia perforativa della gioventù italiana attraverso due decenni (1990 – 2010)

  1. Io (che sono nata nell’88), non ho nemmeno i buchi nelle orecchie!
    (Cosa che peraltro i miei parenti e amici continuano a NON CAPIRE, evidentemente, visto che quando qualcuno non sa cosa regalarmi mi regala un paio di ORECCHINI, “ché tanto gli orecchini fanno sempre piacere a una ragazza!” >.>)

    Potrei venderli a quei prodigi dell’umanità che si fanno il piercing sulla lingua.
    Sarebbe graziosa, una lingua trapassata da parte a parte da un enorme orecchino femminile.
    O quantomeno: se ti fai perforare la lingua, magari ti piace anche un orecchino alla gitana conficcato in bocca. Boh.

    1. Due a sinistra e uno a destra di cosa? Ella mi permetterà, tra l’altro, di pregarLa di non darmi del voi… Ad ogni modo, dalla sintassi e dal registro utilizzato, immagino Ella sia di un evo piuttosto recente, post SMS e MSN, direi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...