Della morte

Ieri ho deciso di dare corso a quanto vi avevo anticipato e a pranzo ho mangiato una insalata con la polpa di granchio. Bene, mi è rimasta sullo stomaco. Giuro! Non sono riuscito a digerirla e mi sentivo un Daniele Magro sullo stomaco. Tornato a casa, con le ossa un po’ doloranti e il mal di testa, ho visto Lost 5×07 e mi son messo a letto e mi sono misurato la febbre. Altissima. 37.5, signori.

Mi sono ritrovato a rigirarmi per un’ora e mezza nel letto, poi mi sono addormentato e risvegliato per ore e ore, ogni cinque minuti, colto da caldo e da freddo e da caldo e da freddo. Oggi mi sono svegliato all’una e avevo 34.6. Trentaquattro e sei. Cioè sono morto.

Visto che nei Miei luoghi oscuri ho letto che la temperatura di un cadavere diminuisce di due gradi ogni ora, direi che l’ora del decesso va collocata tra le undici e un quarto e le undici e quarantacinque.

Non avevo mai scritto un post da morto, wow…

Per i commenti originali, vedere qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...