Nanneddu meu, il mondo va così

Nanneddu meu, su mundu er gai:
a sicut erat non torrat mai.
Semus in tempus de tirannia
infamidade e carestia.
Como sos populos cascan che cane
gridende forte: “Cherimos pane”.
Famidos nois semos pappande
pane e castanza, terra cun lande.

Nanneddu mio, il mondo va così: come era non torna più. Siamo in tempi di tirannia, di infamia e carestia. La gente, ora, cade come cani, gridando forte “Vogliamo il pane”. E noi, affamati, stiamo mangiando pane e castagne, terra con ghiande.

Terra ch’a fangu torrat su poveru
senz’alimentu, senza ricoveru.
Semos sididos in sas funtanas
pretende s’abba parimos ranas.
Peus sa famene chi forte sonat
sa janna a tottus e non perdonat.
Avocadeddos laureados
busciacca boida, ispiantados.

Terra con fango, il povero è senza cibo e senza un ricovero. Siamo assetati e chiedendo acqua alle fontane, sembriamo delle rane. La fame suona con forza a ogni porta e non perdona. Avvocatini, laureati, tasche vuote, senza soldi.

In sas campagnas pappana mura
che capras lanzas in sa cresura.
Cand’est famida s’avvocazia
cheret chi penset in beccaria.
Mancu pro sognu su quisitu
es de cumbincher tantu appetitu.
Sos tristos corvos a chie los lassas
pienos de tirrias e malas trassas.

Chi vive in campagna mangia more come le capre in mezzo ai rovi. Quando hanno fame, gli avvocati bisogna che pensino a trovare cibo. Manco per sogno, il loro scopo è di placare tanto appetito. A chi lasciare i tristi corvi, pieni di brutti vizi.

Canaglia infame piena de braga
cheret s’iscetru, cheret sa daga.
Ma no bi torran a sos antigos
tempos d’infamia e de intrigos.
Pretan a Roma, mannu est s’ostaculu:
ferru est s’ispada, linna est su bacculu.
S’intulzu apostulu de su segnore
si finghet santu, ite impostore.

Canaglia infame, piena di boria, vuole lo scettro, vuole il comando ma non riesce a tornare ai vecchi tempi di infamia e intrighi. Intrigano a Roma, sono grandi gli ostacoli: ferro è la spada, legno il bastone. Lo stupido apostolo del signore si finge santo ma è un impostore.

Sos corvos suos tristos molestos
sun sa discordia de sos onestos.
Maccos famidos, ladros, baccanu
faghimos: nemos alzet sa manu.
Adiosu Nanne: tenedi contu,
faghe su surdu, bettadi a tontu.
Ca tantu, l’ides, su mundu er gai:
a sicut erat no torrat mai.

I corvi suoi, tristi e molesti, sono la disgrazia degli uomini onesti. Matti, affamati, facciamo rumore: nessuno alzi la mano. Addio, Nanni, fai attenzione: fai sempre il tonto perché tanto, lo vedi, il mondo è così: e come era non torna più.

La traduzione è mia, quindi un po’ merdosa. Però il senso lo capirete: siamo spacciati ancora un po’ di più.

[per i commenti originali, cfr qui…]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...