In viaggio con Satana

Atomo opaco di male (ragazzetta bassa e senza collo,grassoccia e di circa tredici anni): Minchia, ma come cazzo frena questo autista? Dove l’ha trovata la patente? Nei ovetti Kinder? [La presenza del “minchia” in posizione incipitale è uno dei più notevoli esempi dell’influsso dell’immigrazione dal Sud nella parlata del genovesato (NdR)]
Satana: C’hai troppo ragione…
Atomo: Oh, ma secondo te a Zio gli piaccio?
Satana: Non lo so, a te ti piace?
Atomo: abbozza Minchia l’altra volta ho parlato con Valentino…
Satana: Minchia che brutto Valentino…. Beeeeee… sai che dice la De Gregori? “Quanto è brutto Valentino!”
Atomo [evidentemente indispettita, secondo me a lei piace Zio ma solo Valentino ci potrebbe stare] Sarà bella lei… [arriva un SMS] Oh, la Carlotta è stata investita ed è all’ospedale con la testa rotta!
Satana: La Carlotta?
Atomo: E vai! Son troppo contenta!
Satana: E con tutti quei capelli come fanno? poverina
Atomo: No io son troppo contenta… ma sai chi è la Carlotta? Quella del Bar!
Satana: Ah, cazzo… allora sì… Dovrebbe già essere morta!
Atomo: Cazzo… l’hanno investita sulle strisce!
Satana: Minchia, allora ti credo che non si è fatta niente, non c’ha il cervello! Oh, la prof d’inglese c’ha troppo l’alito che puzza!

[Autolinea urbana 67/, via Donghi, ore 17:15]

Questa ennesima operetta morale vuole anche essere un contributo allo studio di Zarathustra sull’adolescenza del XXI secolo.

Per i commenti “originali”, vedere qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...